“Tenuto conto del suo valore ecologico, sociale ed economico, la fauna selvatica è un'importante risorsa naturale rinnovabile, con rilevanza per settori quali lo sviluppo rurale, la pianificazione del territorio, l'offerta alimentare, il turismo, la ricerca scientifica e il patrimonio culturale. Se gestita in modo sostenibile, la fauna selvatica può fornire un'alimentazione e un reddito e contribuire notevolmente alla riduzione della povertà, nonché alla salvaguardia della salute umana e ambientale” (FAO, 2005)

    Saper gestire correttamente le risorse naturali senza arrecare danno al territorio è una capacità fondamentale, è la sola pratica sostenibile frutto dello sviluppo economico e sociale delle popolazioni delle aree rurali. La ricchezza dei territori disagiati dal punto di vista produttivoeconomico risiede quasi esclusivamente nell’ambiente come elemento essenziale e caratterizzante non solo del territorio ma anche delle tradizioni e degli usi delle popolazioni stesse. La montagna, in modo particolare, è stata plasmata nei secoli dall’opera dell’uomo attraverso le attività tradizionali: silvicoltura, agricoltura, allevamento, caccia e pesca. Ognuna di queste attività, prima dell’avvento della tecnologia, si è sviluppata attraverso la capacità dell’uomo di osservare la natura e i suoi ritmi, al fine di apprenderne i segreti per gestire le risorse naturali e ricavare da esse il reddito necessario per la sopravvivenza e per gli scambi commerciali. Competenze e conoscenze che venivano tramandate di generazione in generazione, raramente scritte su testi, ma talmente chiare da essere parte fondamentale della cultura alpina.

    La rivoluzione industriale, ed il conseguente abbandono della montagna, ha di fatto creato uno scollamento tra un nuovo stile di vita, consumistico, e quello che invece si era radicato nei secoli, basato sulla cultura della resilienza, insita nelle comunità locali dei territori alpini. Ed è proprio grazie a questa gestione consapevole del territorio che le popolazioni alpine hanno saputo mettere in atto strategie per ridurre i rischi idrogeologici e gli incendi, aumentare la produttività di territori all’apparenza improduttivi, aumentare la biodiversità degli habitat, erigere edifici e strutture in grado di rappresentare efficienza energetica e resistenza.

    Negli ultimi secoli, ed ancor più negli ultimi decenni, si sono perse conoscenze acquisite in secoli di storia dell’umanità: chi è ancora in grado di coltivare patate? chi sa allevare un maiale? chi sa fare un formaggio? chi sa fare il pane? chi sa uccidere con rispetto un animale e trattare al meglio la sua carcassa? chi sa fare legna per la stufa? Senza tornare al medioevo, possiamo tranquillamente affermare che fino a un secolo fa quasi tutte le persone sapevano fare almeno un paio di queste cose senza alcun problema e senza cercare informazioni sui libri. E oggi? Pochissime persone sono in grado di fare tutto ciò che è stato elencato poco sopra, e sono considerate “fuori dal tempo”. Demandiamo ad altri lavori e compiti che non ci aggradano, col rischio che si perda la cultura del genere umano: perdiamo il contatto con la natura, con l’ambiente e con gli animali. Vediamo la montagna come posto per le vacanze, i pascoli come prati per fare picnic, le vacche come teneri animaletti che fanno suonare le loro belle campane, i rifugi come posti per mangiare polenta e capriolo, ma ce la prendiamo con i boscaioli che tagliano le piante, con i pastori che attraversano le strade con le pecore e con i cacciatori che sparano al “Bambi”.

    L’attuale contesto sociale urbano sta letteralmente facendo guerra alla cultura millenaria delle popolazioni rurali, dimenticando le proprie origini. Lo stesso obiettivo della conservazione e della gestione delle risorse, sancito dalle Nazioni Unite a Rio de Janeiro nel 1992, assume punti di vista soggettivi, che vanno dal protezionismo assoluto allo sfruttamento tout court.

    Altre tematiche trovano ampio consenso nella popolazione, come la necessità dell’aumento della biodiversità, l’utilizzo delle biomasse, la riduzione della CO2 e dell’impatto ambientale, la green economy, l’eco-turismo, il prodotto locale a Km0, il benessere animale.

    Il progetto “Filiera Eco-Alimentare”, i cui dati sono esaurientemente raccolti in questo testo, ha racchiuso tutti questi concetti in una filiera che, con attenzione e rigore scientifico, ha dimostrato come l’attività venatoria, una delle pratiche tradizionali per eccellenza e allo stesso tempo quella più aspramente criticata nell’era moderna, potesse diventare uno strumento per il rilancio del territorio attraverso una corretta pianificazione delle sue fasi, il rispetto del benessere animale e la promozione del prodotto finale.

    Roberto Viganò, Responsabile Scientifico del Progetto

    Per ulteriori dettagli tecnici scarica e consulta la relazione a cura di Roberto Viganò, Andrea Cotini e Federica Fili al seguente link: Filiera Eco Alimentare

    relazione tecnica filiera eco alimentare

    Prossimi eventi

    Venerdì 30 novembre 2018 - "La selvaggina incontra la tradizione piemontese: i bolliti misti"

    Venerdì 30 novembre 2018 - "La selvaggina incontra la tradizione piemontese: i bolliti misti"

    Bognanco, ristorante Da Cecilia ore 20:00 - RINNOVABILE E SOSTENIBILE MEATING FOOD

    Martedì 27 novembre 2018 - "A cena con i Sapiens: la cucina paleolitica riproposta"

    Martedì 27 novembre 2018 - "A cena con i Sapiens: la cucina paleolitica riproposta"

    Stresa, I.I.S. "E.Maggia" ore 20:00 - RINNOVABILE E SOSTENIBILE MEATING FOOD

    Venerdì 23 novembre 2018 - "Cacciatori, pescatori e fungiatt"

    Venerdì 23 novembre 2018 - "Cacciatori, pescatori e fungiatt"

    Varzo, Trattoria Derna ore 20:00 - RINNOVABILE E SOSTENIBILE MEATING FOOD

    Giovedì 15 novembre 2018 - "Parlando di selvaggina"

    Giovedì 15 novembre 2018 - "Parlando di selvaggina"

    Domodossola, ristorante Eurossola ore 20:00 - RINNOVABILE E SOSTENIBILE MEATING FOOD

    Venerdì 9 novembre 2018 - "Raw food: la cucina che non t'aspetti"

    Venerdì 9 novembre 2018 - "Raw food: la cucina che non t'aspetti"

    Santa Maria Maggiore, Ristorante Le Colonne ore 20:00 - RINNOVABILE E SOSTENIBILE...

    Venerdì 16 Novembre 2018 - Convegno: "Stato attuale della gestione venatoria del cervo sulle Alpi: siamo sulla buona strada?"

    Venerdì 16 Novembre 2018 - Convegno: "Stato attuale della gestione venatoria del cervo sulle Alpi: siamo sulla buona strada?"

    Domodossola, Collegio Rosmini ore 9:00 Organizzato da Comprensorio Alpino VCO2 - Ossola Nord in...

    Ultime news

    La rivista dei Veterinari italiani, ARGOMENTI, parla di noi!

    20 Febbraio 2019
    La rivista dei Veterinari italiani, ARGOMENTI, parla di noi!

      Un nuovo importante traguardo nel percorso della Filiera Eco-alimentare. Si tratta...

    Giovedì 14 febbraio 2019 la Filiera Eco-alimentare va all'Istituto alberghiero Maggia di Stresa

    14 Febbraio 2019
    Giovedì 14 febbraio 2019 la Filiera Eco-alimentare va all'Istituto alberghiero Maggia di Stresa

        Giovedì 14 febbraio 2019, presso l'Istituto alberghiero Maggia di Stresa...

    Mercoledì 30 gennaio la conferenza di chiusura del progetto partecipata con la condivisione dei risultati

    06 Febbraio 2019
    Mercoledì 30 gennaio la conferenza di chiusura del progetto partecipata con la condivisione dei risultati

    PROCESSI di FILIERA ECO-ALIMENTARE   E' terminato da pochi giorni il progetto...

    CONFERENZA di CHIUSURA - mercoledì 30 gennaio 2019 ore 14.30 al Collegio Rosmini di Domodossola

    10 Gennaio 2019
    CONFERENZA di CHIUSURA - mercoledì 30 gennaio 2019 ore 14.30 al Collegio Rosmini di Domodossola

    Conferenza di chiusura del progetto Filiera Eco Alimentare, realizzato da Ars.Uni.Vco, con...

    Meating Food vol.2

    17 Ottobre 2018
    Meating Food vol.2

      In autunno tornano le prove tecniche di Filiera Eco-alimentare nei ristoranti...

    Fotogallery corso teorico-pratico per la qualifica di cacciatore formato

    20 Settembre 2018
    Fotogallery corso teorico-pratico per la qualifica di cacciatore formato

    Ecco alcune foto del corso teorico-pratico per cacciaotre formato terminato domenica 16...

    © FEA di ARS.UNI.VCO 2018 - Ass.ne per lo sviluppo della cultura, degli studi universitari e della ricerca nel Verbano Cusio Ossola - Codice Fiscale 92011990030 - Iscritta, ai sensi del D.M. n.361 del10/02/2000, al n. 210 del Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche del Verbano Cusio Ossola

    Search